LA TERRA CONTRO LA GUERRA

The land against the war

03/03/2022

La terra contro la guerra

The land against the war

 

La terra accoglie, la guerra toglie.
Noi siamo con la terra.
Con chi ha il coraggio di preservarne la fertilità, prendendosene cura, coltivandola e abitandola.
Con chi ha la forza di allevare gli animali rispettando la loro natura e libertà.
Con chi è capace di trasformare i prodotti agricoli con arte e salute.
Con chi è impegnato a fare relazione con il cibo, unendo le città con le campagne.

La terra accoglie, non toglie.
La terra non ha frontiere. È aperta e ospitale.
Nemmeno i mari e i monti sono confini.
La terra accoglie le comunità, le rende solidali e offre loro protezione da ogni calcolo geopolitico.

La terra è contro la guerra.
La terra non divide e non uccide.
La terra è vita: il mondo a cui bisogna voler bene.

 

Firma anche tu questo breve manifesto.

 

Dobbiamo costruire nuovi legami, più stretti, trasversali, universali.
Diamo allora inizio a un percorso di proposte e di scambio per arrivare a un programma concreto e continuativo di azioni efficaci.
E’ in preparazione un live stream su Facebook

#laterracontrolaguerra

I primi firmatari:

Lucio Cavazzoni (Good Land)
Maurizio Agostino (Rete Humus)
Luigi Ciotti (Gruppo Abele, Libera)
Famiano Crucianelli (Bio Distretto Via Amerina, Viterbo)
Mimmo Lucano (Riace)
Angela Frenda (Cook Corriere della sera)
Giuliano Ciano (Forum Agricoltura Sociale)
Marco Omizzolo (Giornalista)
Cinzia Scaffidi (giornalista docente Bra)
Gianni Fabris (Alleanza Sociale per la Sovranità Alimentare)
Emanuela Ferraris (La Buona Terra, Puegnago BS)
Marco Pollastri (Centro Antartide, Bologna)
Franco Zecchinato (Cooperativa El Tamiso, Padova)
Nino Paparella (Rete Utile Buono e Bio, Bari)
Mbaye (Casa Sankara, Foggia)
Michele Monetta (Con.Pro.Bio Lucano)

... e tanti altri (vedi)

powered by (ORBITA)