ITALIA IN RITARDO NELLA STESURA DEL PIANO STRATEGICO NAZIONALE PAC

Federbio: occorre puntare sul biologico

09/04/2021

Audizione alla Commissione Agricoltura della Camera sul Piano Strategico Nazionale PAC.

Dare al biologico un ruolo da protagonista nel Piano Strategico Nazionale (PSN). Nella recente audizione in Commissione agricoltura della Camera sugli obiettivi del PSN nel quadro della nuova Politica Agricola Comune (PAC), FederBio ha sottolineato l’importanza della valorizzazione della transizione agroecologica per il rilancio del sistema agroalimentare italiano.
La Federazione, in coerenza con le posizioni della “Coalizione Cambiamo Agricoltura” di cui fa parte, ritiene che il Piano debba allinearsi agli obiettivi europei del Green Deal e delle strategie Farm to Fork e Biodiversità, che mirano a triplicare le superfici agricole coltivate a biologico e a ridurre l’uso dei pesticidi e degli antibiotici del 50% entro il 2030. Il rinvio della riforma della PAC al 2023 è legato alla necessità di adeguare gli obiettivi della proposta di riforma della PAC alle recenti strategie europee con iniziative che definiscano una chiara direzione verso la transizione agroecologica, di cui il biologico rappresenta l’esperienza concreta più diffusa.
In sintesi, si propone:
- destinare una percentuale minima del 30% del budget sia del primo pilastro per i “regimi per il clima e l’ambiente” (ecoschemi), che per le misure agro-climatico-ambientali dello sviluppo rurale (II°pilastro) .
- superare gli aiuti "a superficie" elegare il sostegno alle esternalità positive dei diversi processi produttivi in termini di tutela ambientale, paesaggio e lavoro
e non solo alle superfici
- che il PSN individui l’obiettivo percentuale di crescita del biologico e gli interventi concreti per raggiungerlo

leggi il comunicato

Fonte: Federbio

 

Leggi anche:

Un'altra PAC è possibile

la-pac-va-riallineata-al-green-deal

la-pac-deve-contribuire-a-fermare-i-cambiamenti-climatici-e-a-tutelare-la-biodiversita'

 

 

powered by (ORBITA)